Tè, il nuovo protagonista dei long drink alcolici e non

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Le inesplorate opportunità del tè

Tratto da Tè, vie inedite nel bere low alcohol di Mariangela Molinari, in Bar Business, ottobre 2012:

Sultanahmet, cocktail autunnale firmato Francesca Natali. Foto di Matteo Barro
Sultanahmet, cocktail autunnale firmato Francesca Natali. Foto di Matteo Barro

“Chi pensava che il tè potesse avere un proprio spazio limitato al pomeriggio, in certi luoghi e per un target di avventori ricercati e magari pure leggermente snob, si sbaglia di grosso. Perché, lo dimostrano i fatti, per la bevanda più bevuta al mondo dopo l’acqua si aprono inedite possibilità. Anche nel miscelato. Certo il target ricercato resta, perché per apprezzare certi gusti e presentazioni una certa educazione sensoriale non deve far difetto, ma l’utilizzo del tè, anche combinato con alcolici, apre all’operatore nuove prospettive.”

“Sul fronte del miscelato, il tè può essere usato sia nell’alcolico, in virtù delle sue valenze organolettiche, sia nell’analcolico. Parola di Francesca Natali:

In versione mixata, il tè oggi suscita crescente interesse.”

La tea stylist e consulente food racconta la diffusione delle mille possibilità della Camelia Sinensis alla giornalista di Bar Business Mariangela Molinari. Potete leggere l’articolo completo su Bar Business, ottobre 2012.

Voglia di un cocktail?

Eccone uno in versione autunno firmato Francesca Natali!

Sultanahmet, cocktail al tè oolong

– 4 cl di vodka Grey Goose pera
– 12 cl di tè freddo Sultanahmet by ArtedelRicevere (tè oolong ad alta ossidazione con pera e rosa)
– 4 cl di Ginger Ale
– lime

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *