Il tè Darjeeling: perché così speciale?

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lo sapevate che ogni tè proveniente dalla regione del Darjeeling, per poter prendere la prestigiosa denominazione, è sottoposto ad una serie di test sulla qualità e sul gusto? Se fallisce non può chiamarsi Darjeeling né essere venduto come tale… In occasione dell’arrivo dei nuovi deliziosi raccolti indiani del 2013 (in vendita nella nostra boutique a Milano e online), vogliamo raccontarvi meglio l’esclusività e la storia di questa bevanda color ambra che gode della fama di Champagne dei tè

La scoperta del terroir ideale

Mentre i tè più famosi della Cina vantano una storia di migliaia di anni, il Darjeeling è “un’avventura” molto più recente che risale a poco più di 150 anni fa. La coltivazione del tè comincia nel 1841 ad opera del Dr. Campbell, il primo governatore della regione. I semi arrivano dalla Cina, mandati dall’inglese Robert Fortune, leggendario botanico e “ladro del tè”.

Si scopre così che quello dell’Himalaya è il terroir perfetto per la pianta di origine cinese (Camellia Sinensis, produce tè aromatici, freschi e primaverili particolarmente dolci e fruttati). Diversamente dalla sua cugina indiana che predilige climi caldi (Camellia Assamica, produce tè robusti dalle note calde e legnose), la varietà cinese si adatta particolarmente bene alle rigide condizioni delle montagne. Anzi, grazie alle difficoltà climatiche che rallentano il loro crescere, le foglie del tè Darjeeling sviluppano molteplici sfumature di gusto e aroma.

Il marchio Darjeeling

Lanciato nel 1983, il verde logo Darjeeling è di proprietà del Tea Board of India e significa che il tè è 100 per cento puro Darjeeling. Per ricevere il marchio, il tè dev’essere stato coltivato e lavorato in uno degli 86 giardini (Tea Estates) approvati dal Tea Board. La varietà cambia da giardino a giardino e ogni Tea Estate è riconoscibile nell’aroma e nel gusto che dona.

I migliori Darjeeling di ArtedelRicevere provengono da Margaret’s Hope, Risheehat, North Tukvar, Castleton, Makaibari, Arya.

Qui la nostra lista completa.

Guida all’acquisto e alla degustazione del tè Darjeeling

La regola per acquistare un buon Darjeeling? Non si deve mai scegliere un blend (unione di diversi giardini di provenienza spesso non definita) ma preferire sempre un giardino specifico.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *