Cocktail analcolico Les Fleurs du Japon

Un cocktail delicato e raffinato, dove gli aromi di ciliegi, meli e peri ricordano la primavera nel suo costante rinnovarsi, che si rivela in questo tè dalla dolce sensualità orientale.

INGREDIENTI (per 5 persone)

  •  1 l di tè freddo Les Fleurs du Japon by ArtedelRicevere
  •  1/2 l di succo e polpa di mirtillo
  •  2 cucchiaini di succo d’arancia
  •  poco zucchero liquido, facoltativo
  •  10 more e 5 foglie di basilico
  •  limone e zucchero per il bicchiere

PROCEDIMENTO

1. Mettete 15 g di tè Les Fleurs du Japon in infusione nell’acqua a 90 °C per 6 minuti. Zuccherate se gradite. Lasciate raffreddare e ponete in frigorifero per qualche ora.

2. Frullate tutti gli ingredienti finché la miscela diventerà leggermente schiumosa.

3. Bagnate il bordo del bicchiere nel succo di limone e intingetelo subito nello zucchero.

4. Decorate con un bastoncino di bambù, due more e una foglia di basilico.

5. Servite con abbondante ghiaccio direttamente nei bicchieri.

IL PROTAGONISTA – LES FLEURS DU JAPON

Tipologia: Tè nero mélange

Tè nero aromatizzato. La primavera nel suo costante rinnovarsi si rivela in questo tè dalla dolce sensualità orientale. Ciliegi, meli e peri di tutto il Giappone in questo periodo donano una specifica fioritura, omaggio imperiale al risveglio della natura.

INFUSIONE EUROPEA
2/3 g per 150 ml
Acqua 95° – 4/5 minuti

INGREDIENTI
Tè nero cinese, pezzi di mela, petali di rosa rossa, oli essenziali di frutta

Breve guida alla conservazione del tè

Dopo aver portato a casa le vostre preziose foglie di tè , soprattutto se sfuse, si pone il problema di come conservarle al meglio in modo che possano mantenere intatte il più a lungo possibile le caratteristiche organolettiche che le caratterizzano.

Se conservati nel modo corretto alcuni tè verdi possono durare per un paio di anni ed in caso di tè neri anche di più. In linea di massima, maggiore è il grado di ossidazione della varietà di tè e più lungo sarà il periodo di conservazione. Quello bianco dura circa sei mesi prima di perdere in qualità e freschezza. Tenetene quindi conto al momento di decidere le quantità da acquistare, anche in base alla frequenza con cui lo degustate.

In linea di massima l’infusione europea per la maggior parte dei tè contempla una quantità di c.a. 2/3 gr. per una tazza classica da 150 ml. Quindi un etto di tè dovrebbe coprire un mese intero di degustazioni, prevedendo di consumarne una tazza al giorno.

I nemici principali della conservazione del tè sono la luce, l’aria e l’umidità, ai quali si aggiungono gli sbalzi di calore e gli odori forti.

Il primo sistema per risolvere la maggior parte dei problemi elencati è quello di utilizzare contenitori ermetici non trasparenti. I sacchetti con i quali vengono consegnati i tè in boutique rappresentano già una buona soluzione, anche se a lungo termine mancano di praticità, possibilità di organizzazione e tendono a deteriorarsi.

Soluzioni ideali e più durature sono rappresentate dai contenitori  in latta, in cartone foderato internamente di alluminio, in legno o in materiali tipo lacca e bachelite, mentre andrebbero evitati quelli in plastica, in ferro, in vetro, in porcellana e i sacchetti di carta. No alla plastica che tende a trasferire gli odori.

Per evitare gli sbalzi di temperatura i contenitori vanno conservati in un luogo fresco e asciutto, quindi evitare accuratamente mensole posizionate sopra o in prossimità di fonti di calore come termosifoni o fornelli. Conservate il tè lontano da sostanze dall’aroma pungente come caffè e spezie, evitate quindi di chiuderli in un pensile all’interno del quale conservate il caffè e altre spezie come menta, origano e simili.

Se avete acquistato il tè già partizionato in bustine, il contenitore ideale è rappresentato  da scatole in legno o in cartone. In ogni caso non conservatene due o più tipi di tè nello stesso contenitore, anche se dotato di divisori, perché assorbirebbero reciprocamente l’aroma. Soprattutto evitate di conservare i tè particolarmente ‘dominanti’ come gli affumicati o gli aromatizzati insieme a tè più ‘neutri’ che ne verrebbero contaminati.

Un altro accorgimento, quando si acquistano grandi quantitativi di tè sarebbe quello di utilizzare due contenitori per conservarlo: uno più grande, per immagazzinarlo, e uno più piccolo per l’uso quotidiano

Non c’è piacere più grande che poter ammirare la propria collezione di tè ordinati e catalogati al sicuro nei loro barattolini di latta, dalla quale scegliere di volta in  volta la varietà giusta per un momento di relax e meditazione o per stupire piacevolmente i propri ospiti.

Per sapere quale potrebbe essere il contenitore ideale per le vostre necessità potete sbirciare tra i nuovi arrivi nel nostro e-shop o passare a trovarci in boutique.

 

Riassumendo

No alla plastica

No a contenitori trasparenti

No vicino a caffè, spezie e cibi dall’aroma forte

No alla luce

No all’aria

No vicino a fonti di calore

No a contenitori in ferro, in vetro, in porcellana e in sacchetti di carta

Si a luoghi asciutti, freschi e al buio

Si a contenitori in latta, in cartone foderato internamente di alluminio, in legno o in materiali tipo lacca e bachelite

Mieli invecchiati per intenditori

La qualità e la cura nella produzione, l’esclusività di alcuni prodotti e il rigoroso rispetto del naturale e del biologico, che hanno sempre contraddistinto il tè, nostro prodotto principale, sono gli stessi che abbiamo ritrovato in questi preziosi mieli. Ecco perché abbiamo deciso di inserirli nell’offerta della nostra boutique.
Proposti in un’elegante confezione regalo, due mieli unici al mondo in elegantissimi vasi da 250 gr.
CARATO: Miele di Acacia invecchiato in botti di rovere francese.
STELLA: Miele di Acacia con Anice Stellato in infusione.

CARATO, un sogno diventato realtà

L’unico miele al mondo invecchiato in barrique. La base è un acacia purissima che per 9 mesi circa si riposa in delle botti di rovere francese da 225 litri. Il risultato finale è un miele liquido dall’odore acro e pungente che rievoca il vino cotto con un retrogusto sorprendentemente dolce. Il suo accostamento principe è con un parmigiano 24 mesi o pecorino semi stagionato. Ottimo per caramellare carne rossa, o a crudo su un salmone lesso. Piacevolissimo anche l’abbinamento con uno yogurt greco e della frutta secca a guarnire.

STELLA, le casualità non esistono

L’anice stellato che incrocia, quasi per caso, un delicatissimo miele d’acacia. Caratterizzato da un profumo avvolgente di anice, quasi piccante ma persuasivo, che va ad equilibrare ed immergersi nel corpo di un delicato miele di acacia, che amplifica cosi la sua peculiarità di vaniglia e confetto, per creare un tandem ideale per chi vuole ritrovare antichi profumi e nuovi sapori. Ottimo come dolcificante di caffè, orzo, tè verde o ancor più sublime su una pesca matura.

Le 7 Meraviglie, per chi non sa decidere

Assortimento di 7 vasetti monodose da 28 gr dei seguenti mieli, in un’elegante confezione realizzata a mano, color antracite.

Questa confezione contiene:

1. Il Carato – Miele di Acacia in Barrique invecchiato in botti di rovere francese. Un miele unico al mondo.

2. La Stella – Miele di Acacia e Anice Stellato

3. Miele di Acacia – Dolce e delicato, con odori e sapori delicati di confetto e vaniglia.

4. Miele di Girasole – Miele fresco al palato, rammenta l’albicocca matura.

5. Miele di Melata – Gusto deciso

6. Miele Millefiori – Sapore che ricorda frutta candita e pesca sciroppata

7. Miele di Stachys – Dalla lavorazione delle api dello Stachys Officinalis, un erba officinale del territorio

Vien a scoprirli sul nostro sito www.tea-lounge.it

2017 Darjeeling Risheehat First Flush tutto per voi

È arrivato! Freschissimo e dal profumo intenso, in volo diretto dalla piantagione Risheehat in Darjeeling, India. E come nella migliore tradizione dello Champagne Tea, questo superbo first flush, raccolto a mano a marzo 2017, ha ricevuto il più alto rating possibile: SFTGFOP1. Si legge Special Finest Tippy Golden Flowery Orange Pekoe, ovvero raccolto di eccellente selezione con una grande percentuale di finissimi germogli rispetto alle foglie, di prima qualità. Mettiamo su il bollitore e prepariamo le tazze..!

Foto: ArtedelRicevere, marchio italiano di tè pregiati in vendita a Milano e online

Darjeeling Risheehat 2016 First Flush ArtedelRicevere

Darjeeling Risheehat First flush 2017: il profilo sensoriale

Questo raccolto primaverile si distingue per le sue foglie grandi, lunghe, di colore verde scuro e verde pallido, ricche di giovani germogli. Il profumo della foglia secca presenta sentori di frutta e vaniglia, con un cenno vegetale. Il liquore è di un colore di oro pallido, dal sapore fresco e fruttato, con qualche nota speziata, e dalla texture morbida con un finale leggermente astringente.

Acquista online

Tè nero dalle foglie… verdi? Il segreto è nella lavorazione

Lo sapevate che i Darjeeling primaverili, first flush, sono lavorati diversamente dai raccolti estivi e autunnali (second e third flush)? Questo perché le prime foglioline che spuntano a fine inverno sono molto tenere e necessitano di una lavorazione più delicata. Appena raccolte, vengono messe ad appassire su vassoi speciali. In questa fase l’umidità contenuta nelle foglie diminuisce fino al 60-65 per cento. Il passaggio successivo è la rullatura: serve sia per dare alla foglia l’aspetto finale che per liberare gli oli essenziali che stimolano la reazione chimica nota come ossidazione enzimatica. Anche qui si procede con la massima cura, utilizzando una pressione molto leggera e lavorando le foglie per appena 10-15 minuti, contro i 40-50 minuti delle più robuste foglie estive e autunnali. E mentre quest’ultime sono in seguito lasciate ad ossidare per alcune ore, le tenere foglie dei first flush saltano la fase dell’ossidazione e vengono asciugate subito. Ed è così che mantengono il loro sorprendente colore verde.

Risheehat Tea Estate: la tenuta bio per eccellenza

Il giardino Risheehat si trova in una tra le più belle valli himalayane, la Darjeeling East Valley, ad una quota di 2050 metri, a 14 km dalla città di Darjeeling. Il nome della tenuta, Risheehat, si traduce come “terra dei santi” e la sorprendente qualità delle foglie di tè coltivate in questo giardino giustifica appieno tale titolo. Oltre al tè nero Darjeeling ortodosso, produce tè verdi, bianchi, oolong – tutti biologici, e le popolazioni locali coltivano anche arance, cardamomo, fiori e ortaggi. Eccellenza tra i produttori bio, la tenuta Risheehat ha la certificazione del commercio equo-solidale e diversi certificati organici.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torta di mele aromatizzata allo sweet capri

La classica Apple Pie americana, con il piccolo ma importante accorgimento di rinforzarne il bouquet di aromi con l’infusione della nostra miscela Sweet Capri. Sentori di mele, scorze di agrumi, cannella, chiodi di garofano e cardamomo scaldano con dolcezza il finale d’inverno.

Per 8 porzioni. Tempo di Preparazione 1 Ora. Tempo totale 2,15 Ore

Crosta

350 gr di farina

1 cucchiaino di zucchero

1 / 2 cucchiaino di sale

1/2 cucchiaino di cannella in polvere

1 / 4 cucchiaino di noce moscata in polvere

200 gr di burro freddo tagliato a dadini

6 o 9 cucchiai di infusione Sweet Capri molto fredda

Riempimento

50 gr di zucchero semolato (in realtà si richiede il Brown sugar, composto dall’aggiunta di melassa allo zucchero bianco, in alternativa è possibile ripiegare sullo zucchero di canna)

30 gr di farina 00

1 / 2 cucchiaino di cannella in polvere

1 / 2 cucchiaino di noce moscata in polvere

5 o 6 mele renette

1 cucchiaio di burro

100 gr di zucchero semolato

  1. Sbucciate le mele e affettatele a dadini di c.a 1/2 centimetro. Mettetele a riposare in una ciotola contenente acqua leggermente acidulata con succo di limone per evitare che anneriscano.
  2. Unire le 2 tazze e mezza di farina, 1 cucchiaino di zucchero, sale, 1/2 cucchiaino di cannella e 1/4 cucchiaino di noce moscata in una ciotola. Aggiungete il burro freddo di frigorifero e aiutandovi con una forchetta o con una planetaria mescolate il composto fino a quando assume un aspetto ‘sbriciolato’. Aggiungete lentamente l’infusione gelata e continuate a mescolare fino ad ottenere un impasto piuttosto grezzo e umido.
  3. Dividete a metà l’impasto; plasmate ogni metà in una palla. Appiattire leggermente. Avvolgere ogni palla di pasta nella pellicola trasparente per alimenti; porre le due porzioni in frigorifero per almeno 30 minuti.
  4. Nel frattempo riscaldate il forno a 200 ° C.
  5. Stendere una palla di pasta su una superficie leggermente infarinata fino ad ottenere un disco di circa 30 cm di diametro e 5 millimetri di spessore. Foderate con il disco una tortiera leggermente imburrata di circa 20 cm di diametro, premendo con decisione contro il fondo e le pareti. Tagliare l’impasto a 1,5 cm oltre il bordo; mettere da parte.
  6. Unite in una ciotola tutti gli ingredienti del ripieno, tranne le mele, aggiungete 1 cucchiaio di burro e 1 cucchiaino di zucchero. Aggiungere le mele; Mescolate brevemente. Versate il composto nella tortiera, tenendolo un po’ più alto al centro per sagomare la successiva copertura della torta.
  7. A questo punto, prendete la restante palla di pasta e come fatto precedentemente, stendetela su di una superficie leggermente infarinata fino ad ottenere un disco di c.a. 30 cm di diametro e 5 mm di spessore. Adagiate il disco sopra la tortiera coprendo la farcitura. A questo punto, rifinite tagliando la pasta in eccesso oltre il bordo e sigillate i due strati di pasta pizzicandoli insieme lungo tutta la circonferenza oppure, pressandoli con i rebbi di una forchetta. Con un coltellino a lama liscia praticate 5 o 6 tagli a raggiera di circa 3 cm di lunghezza poco distanti dal centro. Serviranno sia come guarnizione, sia per far uscire il vapore che si svilupperà durante la cottura.
  8. Spennellate la superficie con burro, cospargere con 1 cucchiaino di zucchero. Coprite il bordo della pasta con una striscia di foglio d’alluminio di 5 cm e infornate.
  9. Cuocete nel forno pre riscaldato per 35 minuti; rimuovere la pellicola. Continuare la cottura 10-20 minuti o fino a quando la crosta è leggermente dorata e succo della farcitura inizia a bollire attraverso le fessure nella crosta. Raffreddate la torta per 30 minuti; servite calda. Conservate in frigorifero.

Calorie 460

Colesterolo 50mg

Carboidrati 69g

Proteine 5g

Grassi 19g

Sodio 300mg

Fibre alimentari 3g

Brasilian Detox, un concentrato di ben…essere

Blend di mate, tè verde e zenzero. Infuso drenante e particolarmente studiato per sgonfiare e depurare l’organismo. Mate e tè verde aiutano nel dispendio energetico quotidiano aumentando il metabolismo. Leggermente energizzante per allietare gli spiriti stanchi. Il dolce aroma di pompelmo e agrumi lo rendono il compagno ideale nelle uggiose giornate invernali, riportando alla mente le terre assolate nelle quali crescono e maturano questi frutti succosi. Non a caso sembra che i Greci attribuissero ai frutti dell’albero della vita il profumo degli agrumi proprio in virtù delle sue note frizzanti e tonificanti (Tratto da: Brigitte Munier, Storia dei profumi. Dagli dèi dell’Olimpo al cyber-profumo).

La yerba mate è una pianta originaria del Sudamerica, importata nel XVI secolo dai soldati spagnoli fu successivamente adottata come bibita tradizionale dei gaucho e huaso, in Argentina, Paraguay, Uruguay, Cile e Regione Sud del Brasile) e lungo tutta la cordigliera delle Ande. Le sue foglie subiscono la stessa lavorazione di quelle del Tè e viene preparata e servita allo stesso modo. Del Mate si dice possieda la forza del caffè, gli effetti benefici del tè e doni l’euforia del cioccolato. Grazie a queste proprietà al Mate sono riconosciuti effetti lievemente eccitanti a causa del suo contenuto in caffeina, circa il 2% nelle foglie giovani che scende a circa 1,20% con la conservazione, e il suo consumo ha effetti diuretici.

Senza addentrarci troppo nelle infinite proprietà benefiche riconosciute allo zenzero ricordiamo che aiuta anche ad attivare il metabolismo e quindi a bruciare più facilmente i grassi. Ha proprietà stimolanti la digestione, stimolanti la circolazione periferica, antinfiammatorie ed antiossidanti, Allo zenzero è anche attribuita la capacità di diminuire il dolore causato dall’artrite alle articolazioni, situazione ben nota a buona parte della popolazione con l’arrivo dei primi freddi.

Il Tè verde invece rappresenta uno degli ospiti fissi di queste pagine e le sue proprietà benefiche sono state ampiamente analizzate e approfondite. Caratterizzato da un profumo fiorito, fruttato e spesso erboso e vegetale, si tratta di un tè leggero in teina e ricco di vitamine e sali minerali. Gli antiossidanti contenuti nel tè verde sono risultati essere doppiamente benefici rispetto a quelli del vino rosso (in particolare al resveratolo) mentre i preziosi antiossidanti proteggono le cellule dal fisiologico (ma dannoso) processo chiamato “stress ossidativo” responsabile del loro lento. Da ormai parecchio tempo, il tè e i suoi molteplici benefici stanno catalizzando le attenzioni dei media, tanto che è sempre più difficile ignorarne l’esistenza e veridicità, in particolare per quanto riguarda la sua capacità di promuovere la salute dell’individuo in maniera davvero unica e senza dubbio piacevole, rispondendo anche ad un’altra esigenza di tutti: ritagliarsi momenti di benessere e armonia, stare-bene con sé stessi e con gli altri.

Insomma, il Brasilian Detox rappresenta una sapiente miscela di ingredienti dalle riconosciute proprietà benefiche, energizzanti e depurativi, per affrontare il periodo freddo e prepararsi o riprendersi dalle immancabili abbuffate festive.

Disponibile anche in linea Tea Bags, tè in filtro ArtedelRicevere. SCOPRILO SUBITO

Keep calm and drink… sangria al tè Darjeeling

Il Summer Tea Party è appena iniziato… che ne dite di una bella sangria estiva, fresca e dissetante? La versione che vi proponiamo è un’elegante interpretazione al tè nero Darjeeling. Preparata a base di Riesling, fruttato e aromatico, si accompagna splendidamente a grigliate estive, aperitivi e pietanze speziate. Quale tè scegliere? In linea di massima, tutti i neri Darjeeling si prestano a questa ricetta ma i First Flush, pregiati primi raccolti dalle spiccate note vegetali, si sposano particolarmente bene con il sapore della frutta. Buon sangri-tè!

Sangria al tè nero Darjeeling, pere e Riesling – ArtedelRicevere – vendita tè ed infusi pregiati a Milano e online

Sangria al tè nero Darjeeling, pere e Riesling

Ingredienti
Dosi: per 2,5 litri | Tempo di preparazione: 10 minuti + 2 ore di riposo in frigorifero

– 10 g di foglie di tè nero Darjeeling by ArtedelRicevere
– 1,4 litri di acqua calda
– 750 ml di vino bianco Riesling freddo
– 3 pere
– 1 mela
– 1 tazza di succo di mela freddo
– fette di pera

Procedimento
  1. Mettete le foglie di tè in una caraffa o una ciotola capiente. Versateci 1,4 l di acqua a 95 °C e lasciate in infusione per 3-4 minuti. Togliete le foglie e lasciate raffreddare a temperatura ambiente.
  2. Lavate accuratamente la frutta, togliete i semini; tagliate quindi la polpa a fettine o a tocchetti.
  3. Nella caraffa aggiungete il Riesling freddo, la frutta, il succo di mela. Riponete la caraffa in frigo almeno per un ora o due. Consiglio del  sommelier: potete far riposare la sangria anche per 12 ore o più senza problemi.
  4. Al momento di servire, aggiungete qualche cubetto di ghiaccio e decorate con una fetta di pera.

La sangria al tè Darjeeling può essere conservata in frigo per 3 o 4 giorni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Air-Freighted Darjeeling 2012. Volo diretto dalle piantagioni indiane!

 

Per il 2012 ArtedelRicevere ha selezionato due deliziosi raccolti di tè nero Darjeeling. Un classico equilibrato e fedele come Margaret’s Hope ed un più creativo e sottile Risheehat. Quest’ultimo trattasi anche di un raccolto biologico.

Air Freighted Darjeeling 1st Margaret’s Hope Tea Estate 2012 SFTGFOP1

Margaret’s Hope è un nome di fama mondiale quando si tratta di tè Darjeeling. Precedentemente conosciuto come Bara Ringtong, questa piantagione è stata avviata nel 1830 e divenne commercialmente operativa nel 1864. La fabbrica è stata istituita nel 1930 da Mr. John Taylor con l’aiuto di Mr. Longsin, uomo d’affari cinese. Un tè classico, di grande ricercatezza, perfetto da abbinare ad un tea time primaverile o per la colazione estiva. Infusione leggermente astringente, seppur vellutata e fruttata.

Infusione: 2 g. per 150 ml – Acqua 90° – 3 minuti

Acquista online 

Air Freighted Darjeeling 1st Risheehat Tea Estate 2012 SFTGFOP1

Giardino biologico di tè, Risheehat si trova nella parte orientale della regione, a 15 km dalla città di Darjeeling. Creato a metà XIX secolo da britannici è suddiviso in due sezioni di cui la principale è Risheehat e la secondaria Lizahill. Il giardino produce tè con il metodo ortodosso e le popolazioni locali coltivano anche arance, cardamomo, fiori e ortaggi. Particolarmente piacevole la foglia bagnata presenta dolci note che ricordano la fragola selvatica. L’infuso è aromatico e delicatamente astringente con note di pepe verde e fiori di frangipani.

Infusione: 2 g. per 150 ml – Acqua 85° – 3 minuti

Acquista online

Ma cosa sono gli Air Freighted Tea?

L’idea nacque negli anni ’60 per dare l’opportunità agli appassionati di tè di tutto il mondo di gustare in tempo reale i primi raccolti dell’anno. Le prime piantagioni a sposare questo progetto furono quelle di Darjeeling, poi adottarono l’idea anche quelle dell’Assam. Oggi è facile che si possano trovare Air Freighted Tea anche provenienti da altri raccolti (non solo il primo) e da altre piantagioni cinesi, giapponesi e taiwanesi.

I benefici degli Air Freighted Tea

Grazie al veloce trasporto e al confezionamento sotto vuoto fatto proprio nella piantagione di produzione, questo genere di tè arriva in Europa ancora fragrante e aromatico. In particolare se ne preserva l’umidità che, nelle piantagioni ha sempre un tasso molto elevato e che garantisce alla pianta di crescere sana, rigogliosa e deliziosa!

Ricordiamoci che l’acqua è un elemento importante per il tè. E’ uno dei delicati nutrimenti delle piante. Dopo il raccolto viene eliminata e in particolare dopo la fine della lavorazione con l’asciugatura il tasso di umidità è uno dei fattori determinanti della qualità di un tè. Viene proprio temuta perché non alteri la qualità del prodotto finito. Quando il tè viene poi finalmente degustato, l’acqua è nuovamente aggiunta per far rivivere le foglioline e donarci una tazza eccellente.

Per maggiori informazioni su come si prepara un buon tè vi rimandiamo a questo articolo sui metodi di infusione.

Darjeeling First Flush 2013 by ArtedelRicevere. Nuovo raccolto del pregiato “Champagne Tea”

Un’eccellenza biologica, Risheehat, e una preziosa novità, North Tukvar: due sono i giardini che quest’anno abbiamo selezionato per celebrare insieme con voi i primi raccolti indiani del Darjeeling. Grazie al trasporto veloce conosciuto come Air Freighted Tea (clicca qui per saperne di più), possiamo assaporare il loro straordinario aroma in tempo reale!

Darjeeling First Flush 2013 by ArtedelRicevere - Milano e online

Darjeeling First Flush 2013 by ArtedelRicevere

Darjeeling 1st flush – Risheehat Tea Estate 2013 SFTGFOP1

Il giardino Risheehat, il cui nome significa terra dei santi, è stato creato a metà dell’Ottocento da britannici. Eccellenza tra i produttori BIO, si trova nella Darjeeling East Valley ad un’altitudine di 2050 metri, a 15 km dalla città di Darjeeling. Il giardino produce tè con il metodo ortodosso e le popolazioni locali coltivano anche arance, cardamomo, fiori e ortaggi. Particolarmente piacevole la foglia bagnata presenta dolci note che ricordano la fragola selvatica. L’infuso è aromatico e delicatamente astringente con note di pepe verde e fiori di frangipani.

Acquista online

Darjeeling 1st flush – North Tukvar Tea Estate 2013 SFTGFOP1

La tenuta North Tukvar si trova nella Darjeeling West Valley ad un’altitudine compresa tra i 390 e i 945 metri, al nord dalla città di Darjeeling. Giardino eccellente, creato nel 1856, produce tè tra i più apprezzati dagli intenditori grazie a favorevoli condizioni climatiche e ottima irrigazione. Questo primo raccolto ci regala un liquore dorato e trasparente, dalle spiccate note vegetali da cui emerge asparago selvatico. Infusione fresca e leggermente astringente, seppur vellutata e fruttata.

Acquista online 

First, Second e Autumn Flush: una breve guida sui raccolti Darjeeling

Le piantagioni che si trovano nella regione del Darjeeling, alle pendici dell’Himalaya, sono note per i loro tè neri migliori al mondo. Prodotti da oltre 150 anni, sono conosciuti anche come gli “Champagne Tea”.

La denominazione First Flush indica il periodo del primo raccolto, il più pregiato, che solitamente avviene da metà marzo a metà aprile, dopo le piogge primaverili. Il raccolto della prima primavera dà così origine a un tè giovane e straordinariamente fresco. Ogni anno il raccolto di queste foglioline si differenzia da quello precedente, perché influenzato dalle diverse condizioni climatiche.

La raccolta del Second Flush avviene da metà di maggio a fine di giugno / inizio luglio (fino all’inizio delle piogge monsoniche). Questi tè estivi regalano un infuso dal colore rosso marrone e dal sapore di moscatello con un leggero gusto fruttato.

L’Autumn Flush, raccolto autunnale è prodotto tra ottobre e novembre ed è considerato più debole in gusto e carattere.

Darjeeling SFTGFOP? Impariamo il linguaggio dei tea tasters

FTGFOP, TGFOP, GFOP, OP… Vi siete mai domandati cosa volesse dire quel misterioso codice di lettere che accompagna i nomi di alcuni tè? La battuta più diffusa tra gli intenditori nei paesi anglosassoni è che TGFOP sta per “Too Good For Ordinary People” (troppo buono per la gente comune). A parte gli scherzi, conoscere le sigle del tè può essere utile: indicano l’aspetto e la lavorazione delle foglie, nonché il tipo di raccolto. Ecco per voi una breve guida sulle sigle di tè neri Darjeeling.  

Darjeeling Tea Estate

Tè neri: foglia intera o broken

Tutti i tè neri vengono denominati secondo una classificazione complessa che fa riferimento al tipo di raccolto e alla lavorazione della foglia. La suddivisione più importante è tra foglie intere e broken (spezzate). Cosa significa? Le foglie intere donano esperienze sensoriali più complesse, mentre quelle broken esprimono la loro forza in pochi secondi di infusione; il liquore che si ottiene di un tè broken è più sostenuto e vigoroso.

Tè a foglia intera: germogli che fanno la differenza

Raccolto fine - Giardini di Darjeeling - ArtedelRicevere - Milano e online

Raccolta fine (il germoglio terminale e le prime due foglie) è il metodo più diffuso nelle piantagioni del Darjeeling.

Nella classificazione di tè neri Darjeeling a foglia intera, il criterio determinante è la quantità di germogli: più il tè ne è ricco, più lettere appaiono nella sua sigla.

SFTGFOP

Special Finest Tippy Golden Flowery Orange Pekoe: raccolto fine (1 germoglio con 2 foglie) di giovani germogli piuttosto piccoli.

FTGFOP

Finest Tippy Golden Flowery Orange Pekoe: raccolto fine ma con germogli già in via di sviluppo.

TGFOP

Tippy Golden Flowery Orange Pekoe: raccolto interessante composto al 50% da un raccolto fine e il restante da un raccolto più maturo.

GFOP

Golden Flowery Orange Pekoe: raccolto composto al 30% da un raccolto fine e al 70% da un raccolto senza germogli.

FOP

Flowery Orange Pekoe: raccolto composto solo al 10% da un raccolto fine e il restante da un raccolto maturo.

OP

Orange Pekoe: raccolta tardiva senza germogli.

Una curiosità: Orange Pekoe non è un tè all’arancia

Orange è un riferimento storico alla famiglia reale olandese degli Orange-Nassau, tra i primi ad aver importato il tè in Europa. Pekoe invece deriva da pak-ho che in cinese significa “piuma bianca”. Il termine si riferisce all’ultima foglia del ramo (germoglio), coperta con una finissima lanugine bianca.

I tè neri Darjeeling di ArtedelRicevere

Qui solo alcune delle nostre referenze. La lista completa dei tè Darjeeling trovate sul nostro negozio online.

Darjeeling 1st flush – Margaret’s Hope SFTGFOP

Margaret’s Hope è un nome di fama mondiale quando si tratta di tè Darjeeling. Precedentemente conosciuto come Bara Ringtong, questa piantagione è stata avviata nel 1830 e divenne commercialmente operativa nel 1864. La fabbrica è stata istituita nel 1930 da Mr. John Taylor con l’aiuto di Mr. Longsin, uomo d’affari cinese. Un tè classico, di grande ricercatezza, perfetto da abbinare ad un tea time primaverile o per la colazione estiva. Infusione leggermente astringente, seppur vellutata e fruttata.

Acquista online

Darjeeling 1st flush – Risheehat Tea Estate SFTGFOP1

Il giardino Risheehat, il cui nome significa terra dei santi, è stato creato a metà dell’Ottocento da britannici. Eccellenza tra i produttori BIO, si trova nella Darjeeling East Valley ad un’altitudine di 2050 metri, a 15 km dalla città di Darjeeling. Il giardino produce tè con il metodo ortodosso e le popolazioni locali coltivano anche arance, cardamomo, fiori e ortaggi. Particolarmente piacevole la foglia bagnata presenta dolci note che ricordano la fragola selvatica. L’infuso è aromatico e delicatamente astringente con note di pepe verde e fiori di frangipani.

Acquista online

Darjeeling 2nd flush – Castleton – FTGFOP

Raccolto Castleton è situato al di sopra dei giardini di Makaibari, dalla cui altitudine è possibile, nelle giornate limpide, scorgere le vette dell’Himalaya. Si tratta di una zona riconosciuta a livello mondiale per i suoi raccolti estivi con 80 Tea Factories che lavorano il tè. Le sue foglie regolari donano un liquore dal bouquet fine dalle note intense di frutta secca.

Acquista online 

Darjeeling 2nd flush – Makaibari Tea Estate – TGFOP1 

Collocato nel distretto di Kurseong, questo rinomato giardino è sede della più antica tea factory (1859) del Darjeeling. Famoso per la produzione biodinamica di metodo Steineriano, le piante crescono serene in un contesto naturale lontano dagli stress produttivi della grande distribuzione. Le piante del tè sono intervallate da distese di bambù, piante aromatiche e alberi da frutto. Altitudine dei giardini tra i 700 e i 1260 metri. Forse il miglior tè biologico Darjeeling prodotto con amore da quattro generazioni; oggi a capo della factory Raja Banerjee.

Acquista online